Implantologia

L’implantologia è la parte dell’odontoiatria che si occupa della sostituzione dei denti mancanti con gli impianti, i quali come radici artificiali vengono a sostituire uno o più denti estratti perché malati o perché persi in modo traumatico.
Gli impianti universalmente più usati sono di titanio, uno dei materiali più biocompatibili messi a disposizione dalla Ricerca Scientifica. Sono simili a viti che vengono inserite nell’osso della mandibola o mascella, sostituendo le radici dei denti mancanti. Occorrono, all’incirca dai quattro ai sei mesi perché il tessuto osseo si leghi intimamente all’impianto. A qualsiasi età, dopo i 18 anni, ci si può sottoporre a un intervento di implantologia; basta essere in buone condizioni di salute generale e orale e soprattutto si abbia un osso di qualità e che possa contenere l’impianto.

implantoViene sconsigliato ai fumatori incalliti, ai pazienti incapaci di mantenere una corretta igiene orale e/o a quelli che presentano infezioni del cavo orale o sono affetti da parodontopatia medio-grave. Prima di ogni intervento è necessario sottoporsi a indagini radiografiche, a TAC ove è indispensabile, a indagini di laboratorio, per poter pianificare correttamente l’intervento chirurgico di posizionamento dell’impianto, e poi seguire una terapia antibiotica scrupolosa.
L’intervento prevede l’anestesia locale delle parti in cui devono essere inseriti gli impianti.
Gli impianti permettono di sostituire denti mancanti ottenendo un effetto molto simile a quello dei denti naturali, evitando di coinvolgere i denti sani adiacenti, per questo è opportuno prendersi cura dei propri denti. Bisogna quindi, sempre mantenere una corretta igiene orale, sottoponendosi a periodiche visite dentistiche e a sedute di igiene orale.